Bellamè: street art e fotografia raccontano L'Aquila dieci anni dopo

Street art e fotografia a Pescara. Il collettivo Mood Photography, in occasione del decennale del terremoto dell’Aquila, ha realizzato il progetto “Bellamè - L’Aquila dieci anni dopo”: una mostra, indoor e outdoor, che raccoglie cinque progetti che raccontano storie rappresentative di questi dieci anni successivi al sisma.

Parte delle immagini del progetto sono installate sulle pareti della ferrovia lungo via Lago di Campotosto a Pescara, mentre la sezione indoor della mostra si trova nella sede di Mood Photography, in via dei Marrucini 84 a Pescara.

Cinque gli autori: Simona Budassi ha seguito le storie di due bambini nati nell’aprile 2009, Alessandro Battista si è concentrato sulle modifiche del paesaggio lungo la faglia di Paganica, Stefano Schirato racconta con i testi della giornalista Tiziana Pasetti il dialogo della generazione nata dopo il sisma con il paesaggio ferito, l’unico che abbiano conosciuto, Simone Cerio ha osservato gli sforzi operati dagli insegnanti dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila per ricreare la funzione sociale all’interno dei centri storici dei paesi colpiti e Corrado De Dominicis ha seguito il lavoro della web-radio dei ragazzi del Centro Diurno Psichiatrico dell’Aquila.

Foto e progetto sono consultabili al sito dedicato.

Sarà possibile sostenere il progetto, attraverso l’acquisto di stampe fotografiche fine art all’interno del sito. Inoltre, al termine delle esposizioni i materiali in pvc, utilizzati per la mostra, verranno riciclati attraverso la creazione di shopper. Il 50 per cento del ricavato verrà devoluto all’Associazione Psicologi per i Popoli Abruzzo.